Stai leggendo
Il morbo di Crohn è

Il morbo di Crohn è

  • Il Crohn colpisce con effetti molto diversi gli uni dagli altri. Ma questi che ho voluto raccontare sono aneddoti per descrivere cosa sia questa malattia autoimmune per me, di quale sia la mia situazione personale. E questa è la mia verità.

Che cos’è il Morbo di Crohn?

Il Morbo di Crohn è una malattia autoimmune e cronica (non c’è cura per ora) dell’intestino, che di solito colpisce in giovane età: io me la sono presa appena compiuto 18 anni, gran bel regalo, molto orginale! 
In pratica è il tuo sistema immunitario che impazzisce e pensa che l’intestino sia un cattivone e lo attacca random. 

Come si vive col Crohn? 

Il Crohn è essere stanco come se fosse venerdì, ma invece è lunedì… cazzo!
Il Crohn è vedere scritto “-2” sulla casella ferie della tua busta paga. 
Il Crohn è passare da momenti in cui stai bene (remissione) e credi che la situazione non possa mai cambiare (illuso!), a momenti acuti in cui stai di merda. In tutti i sensi. 

Il Crohn è controllare per sicurezza se c’è il bagno in un locale, e cercare i locali più fighi sperando abbiano il bagno più pulito di altri. 
Il Crohn è avere effetti collaterali random anche ad altre parti del corpo, come arti, occhi, stomaco.
Il Crohn è prendere 40 chili in 3 mesi, e perderne altrettanti nel medesimo tempo (colpa del cortisone prima, e della sua mancanza poi). 

Il Crohn è passare da essere euforici e ridere come un pessimo Joker a essere depressi nel giro di un attimo, sempre a causa del cortisone. 
Il Crohn è prendere più di 30.000 pastiglie nel giro di 15 anni. E continuare a prenderle. 
Il Crohn è ricordarsi di prendere tutte le fottute medicine quando vai a dormire dalla tua ragazza. 

Il Crohn è finire a fare l’esame della MOC in mezzo ai vecchietti con età media di 85 anni, e compilare il modulo in cui ti chiedono se quando avevi 50 anni andavi regolarmente a fare la spesa; ma tu di anni ne hai 19. 
Il Crohn è stare ricoverati 11 giorni in ospedale senza che nessuno ci capisca niente, e dopo che ti dimettono stai come prima
Il Crohn è passare 2-3 mesi nell’incertezza di non sapere cosa stia affliggendo il tuo corpo: una delle emozioni più brutte mai provate. 
Il Crohn è fare la colonscopia senza anestesia (si l’ho fatto, e ne vado particolarmente fiero) perché subito dopo devi fare un altro esame e non puoi farlo sotto anestesia.
Il Crohn è farsi 4 ore di flebo in ospedale e poi tornare a lavoro, mentre la gente normale prende malattia e sta a casa. 

Il Crohn è non poter più mangiare le noccioline! Cristo, io adoro le noccioline! 
Il Crohn è passare dalla 64 alla 48 (sì, parlo di taglie di jeans).
Il Crohn è andare in psicosi se spunta il coronavirus
Il Crohn è perdere un anno di scuola perchè stai via 3 mesi (ma è stato meglio così). 

leggi anche
26.000 grammi

Il Crohn è sbattersene di avere il Crohn e fare 7 ore di canyoning, compreso un bad jump, nonostante tu non sia minimamente atletico. Che soddisfazione però! Il Crohn è avere sempre una buona scusa per paccare (io c’ho Crohn! come dicevano i The Pills).
Il Crohn è invecchaire precocemente (in senso lato) e finire a guardare la finale di Sanremo fino alla fine. 

Il Crohn è dover andare fuori dalla tua regione per farti operare, perché a Genova non esistono chirurghi abbastanza esperti
Il Crohn è leggere nei gruppi Facebook americani che la flebo che hai appena fatto, in America costerebbe 6.500 dollari. 
Il Crohn è leggere in quegli stessi gruppi Facebook se si può mettere il succo di limone sopra il pesce dato che non puoi mangiare frutta e verdura. 

Il Morbo di Crohn per me

Il Crohn colpisce con effetti molto diversi gli uni dagli altri.
Ma questi che ho voluto raccontare sono aneddoti per descrivere cosa sia questa malattia autoimmune per me, di quale sia la mia situazione personale. E questa è la mia verità.

Stefano Soresina

Come ti ha fatto sentire questo articolo?
Arrabbiat*
2
Eccitat*
0
Felice
1
Incuriosit*
1
Innamorat*
0
Liber*
0
Leggi i commenti

Scrivi un commento

Your email address will not be published.

period magazine è un progetto di empowerment femminile e gender mainstreaming creato da Valeria Molfino e Davide Sassarini | Privacy Policy