Stai leggendo
Ghosting: significato e perché in amore non vince chi fugge

Ghosting: significato e perché in amore non vince chi fugge

  • Storia di un’accezione molto social, insomma, di una pratica anticamente stronza: ha solo cambiato veste per infestare i rinomati ambienti digitali di Tinder, Grindr, Whatsapp & Co.

Avviso per i deboli di cuore: quello che segue è un racconto del terrore. E ahimè questa volta non c’entrano nè fantasmi nè svariate e variopinte creature dell’aldilà ma, purtroppo, ciò che di più terreno abbiamo a disposizione su questo pianeta: gli uomini.

Wikipedia anche in questo caso ci viene in aiuto e lo fa in maniera molto schietta, semplice e diretta: tutte qualità che mancano a chi, ancora oggi nel 2019, perpetra questo abuso.

Avete presente quella maledetta doppia spunta blu? Sì proprio quella; magari impiega pochi attimi a comparire ma nasconde, in realtà, l’anticamera di un buco nero. Caratterizzato da un silenzio tombale, nessun cenno, nessuna risposta, nessun segno di vita.

Ecco in poche parole spiegato il ghosting: fingersi un fantasma (con tutto rispetto per gli spettri).

Un’accezione molto social, insomma, di una pratica anticamente stronza: ha solo cambiato veste per infestare i rinomati ambienti digitali di Tinder, Grindr, Whatsapp & Co.

Spesso questa strategia del terrore viene messa in atto per terminare una relazione, magari appena cominciata o ancora prima che nasca, magari dopo un primo appuntamento o dopo pochi giorni di frequentazione. Insomma quelle situazioni per cui ti chiedi perché al posto della Bibbia non ti abbiano insegnato da piccolo il copione di «La verità è che non gli piaci abbastanza».

Foto di davide sassarini

Personalmente mi è capitato più di un volta di inciampare in ragazzi che abbiano fatto ricorso a questo piccolo aiutino da casa per volatizzarsi, per tornare alla navicella madre. E dopo una sana e scontata dose di auto flagellazione, sono arrivato a una conclusione che mi piace sintetizzare in questa massima, coniata per l’occasione proprio mentre scrivevo questo post:

Se nascondersi fosse veramente una soluzione, saremmo nati tutti struzzi

Sì insomma il concetto è chiaro. Non dico che sia facile dire a una persona che si vuole troncare una frequentazione o una relazione, ma sparire, eclissarsi come nemmeno il ricercato numero uno del terrorismo internazionale ha saputo fare, come può essere una soluzione?

È un po come bere vino da 30 euro in un bicchiere di plastica. Tanto vale essere astemi.

Ma in tutto questo c’è una piccola postilla. Un po’ come quelle clausole invisibili dei contratti che ti permettono sempre di trovare una via di uscita o quelle dei bugiardini che sei contento di leggere perchè sai che comunque non succederanno. E cioè che, alla fine, quello che potrebbe sembrare un gesto maleducato, non è un altro che manna dal cielo.

Pensate a quanto tempo avremmo perso insieme a una persona del genere, per poi scoprire dopo mesi di frequentazione che tutto sarebbe finito in una doppia spunta blu. E noi ad aspettare il messaggio della buonanotte con la nostra emoji preferita, a sospirare perchè l’orario dell’ultimo accesso era successivo a quando ci ha detto che sarebbe andato a dormire…

leggi anche

Quanta inutile sofferenza ci siamo evitati? Tanta.

Insomma smettiamola con questa storia che chi fugge in amore vince, chi fugge in amore semplicemente fugge. Niente di più. Non può vincere una guerra che rinuncia persino a combattere.

E chi resta? Ci rimane di merda ok. Ma guadagna una consapevolezza più completa e migliore di se stesso e degli altri. Riesce a comprendere i propri limiti ma viene accecato da quelli altrui. E questo è importante perchè quando facciamo una qualsiasi cosa abbiamo in testa sempre modelli di perfezione che non esistono, non è vero che non sappiamo realizzarli.

E con tutta la fiducia e speranza di questo mondo possiamo decidere di fare solo due cose: rimetterci alla ricerca del principe azzurro (anzi azzurrino e rosino visto che continuano a essere colori di grande tendenza anche nel 2019) o del pub più vicino per il prossimo Martini.

Come ti ha fatto sentire questo articolo?
Arrabbiat*
0
Eccitat*
0
Felice
0
Incuriosit*
2
Innamorat*
0
Liber*
0
Leggi i commenti

Scrivi un commento

Your email address will not be published.

.thePeriod è un progetto di empowerment femminile e gender mainstreaming creato da Valeria Molfino e Davide Sassarini